Dove vengono conservate le criptovalute?

Proprio come teniamo i contanti o le carte in un portafoglio fisico, anche i bitcoin sono conservati in un portafoglio digitale. Il portafoglio digitale può essere basato sull'hardware o sul web.

Dove vengono conservate le criptovalute?

Proprio come teniamo i contanti o le carte in un portafoglio fisico, anche i bitcoin sono conservati in un portafoglio digitale. Il portafoglio digitale può essere basato sull'hardware o sul web. Il portafoglio può anche risiedere su un dispositivo mobile, su un computer desktop, o tenuto al sicuro stampando su carta le chiavi private e gli indirizzi utilizzati per l'accesso. I browser Dapp sono software specializzati che sostengono le applicazioni decentralizzate di nuova generazione.

I browser Dapp sono considerati i browser del Web3 e sono il gateway per accedere alle applicazioni decentralizzate che stanno lavorando basate sulla tecnologia blockchain. Ciò significa che tutti i browser dapp devono avere un sistema di codice unico per unificare tutti i diversi codici delle dapp. Oltre alla funzione base di memorizzare le chiavi, un portafoglio di criptovalute può anche avere una o più delle seguenti caratteristiche. Un semplice portafoglio di criptovalute contiene coppie di chiavi crittografiche pubbliche e private.

Le chiavi possono essere utilizzate per tracciare la proprietà, ricevere o spendere criptovalute. Una chiave pubblica permette ad altri di effettuare pagamenti all'indirizzo che ne deriva, mentre una chiave privata permette di spendere criptovalute da quell'indirizzo. La criptovaluta stessa non si trova nel portafoglio. Nel caso del bitcoin e delle criptovalute da esso derivate, la criptovaluta è immagazzinata e mantenuta decentralmente in un libro mastro distribuito pubblicamente disponibile chiamato blockchain.

A differenza dei semplici portafogli di criptovalute che richiedono solo una parte per firmare una transazione, i portafogli con più firme richiedono più parti per firmare una transazione. I portafogli multisignature sono progettati per una maggiore sicurezza. Capire il concetto di chiavi private e chiavi pubbliche serve solo in parte a capire dove si trovano effettivamente i tuoi beni in criptovaluta. A differenza di altri beni, le criptovalute non hanno un luogo fisico.

Né sono memorizzate come dati in cartelle. Nessun bene fisico esiste come rappresentazione della tua valuta crittografica. Tuttavia, è qui che entra in gioco il concetto di chiavi. Bitcoin è memorizzato in portafogli digitali - un tipo di software per computer che si connette alla rete Bitcoin.

Proprio come le carte bancarie hanno numeri di conto, i portafogli digitali hanno un indirizzo unico che può essere condiviso con altri quando si fanno transazioni. Quindi, dove sono effettivamente conservati i Bitcoin dell'utente? Sono memorizzati nella parte approvata dei blocchi della singola e unica versione della Blockchain, di cui esiste una copia in ogni computer che esegue un nodo in tutto il mondo. Ci sono molti modi per conservare le monete cripto. Gli scambi online come Coinbase e PayPal custodiscono i token per gli utenti, mentre i più esperti di tecnologia possono scegliere di tagliare fuori l'intermediario e tenere i loro contanti crypto su portafogli hardware di proprietà personale.

Un recente rapporto di Chainalysis che esamina i portafogli contenenti bitcoin mostra che 11,8 milioni di bitcoin sono nelle mani di investitori a lungo termine, 3,7 milioni sono persi, altri 3,2 milioni stanno circolando tra i commercianti, e i restanti 2,4 milioni devono ancora essere estratti. Bitcoin, ethereum e litecoin sono tutti nel mezzo di un'altra salita più alta, rispettivamente del 57%, 83 e 61% nelle ultime tre settimane. L'uso di un portafoglio hardware - a volte chiamato "cold storage - è ampiamente accettato come il metodo più sicuro per memorizzare criptovalute. È supportato da esperti di sicurezza e mantiene le tue chiavi private offline - così la tua criptovaluta è inaccessibile a chiunque tranne che al possessore di specifici codici di accesso.

Le tue risorse criptovalute non sono fisicamente presenti da nessuna parte, né memorizzate in alcuna cartella. Non c'è nessuna entità fisica che rappresenta le tue criptovalute. Tale chiave permette al proprietario di una criptovaluta di sbloccare le proprie monete, accedendo così al diritto di spendere tale valuta. Ci sono diverse buone pratiche per qualsiasi tipo di sicurezza delle informazioni - e sono di fondamentale importanza per la conservazione sicura delle criptovalute.

Le persone che scelgono di tenere la propria criptovaluta possono conservarla a caldo, a freddo o in una combinazione dei due modi. Per esempio, i portafogli full-node si occupano della decentralizzazione e supportano la rete Bitcoin, e ci sono portafogli mobili che offrono scambi di criptovalute integrati e comodi scanner di codici a risposta rapida (QR), tra altri tipi di funzionalità, a seconda del portafoglio che usi. Molte banche soffocano le attività legate al Bitcoin, tra cui, ma non solo, i trasferimenti di denaro agli scambi di criptovalute. La blockchain registrerà la transazione dell'indirizzo pubblico solo quando la criptovaluta viene inviata ad esso, registrando così nel libro mastro della blockchain la transazione dell'indirizzo pubblico.

Nel caso delle criptovalute l'utente ha bisogno di fidarsi del fornitore per tenere le criptovalute al sicuro, proprio come con una banca. Queste guide illustreranno le cose che dovresti considerare quando entri nel mondo degli investimenti in criptovalute - incluso come comprare e conservare le tue criptovalute e, cosa importante, come agire oggi in modo sicuro. La chiave privata è utilizzata dal proprietario per accedere e inviare criptovalute ed è privata per il proprietario, mentre la chiave pubblica deve essere condivisa con qualsiasi terza parte per ricevere criptovalute. Questi servizi offrono anche la possibilità di vendere la tua criptovaluta e ritirarla su un conto bancario convenzionale.

Nello spazio delle criptovalute, i contratti intelligenti sono firmati digitalmente nello stesso modo in cui viene firmata una transazione in criptovaluta. CoinDesk è una filiale operativa indipendente di Digital Currency Group, che investe in criptovalute e startup blockchain. Negli ultimi anni, le istituzioni finanziarie convenzionali, come le banche, hanno iniziato a esprimere un interesse non solo a sviluppare le proprie criptovalute, ma a fornire servizi di custodia per criptovalute esistenti come Bitcoin.