Le criptovalute falliranno?

Una volta che l'esuberanza si esaurisce, o la liquidità. Anche se la criptovaluta raggiunge livelli record, le minacce al suo successo a lungo termine rimangono.

Le criptovalute falliranno?

Una volta che l'esuberanza si esaurisce, o la liquidità. Anche se la criptovaluta raggiunge livelli record, le minacce al suo successo a lungo termine rimangono. Parte della serie di colonne crypto. In particolare, i partecipanti al mercato non vogliono finalmente investire in bitcoin solo per assistere alla tanto temuta "criptocalisse" (come dice delicatamente The Economist).

Per gli scettici, c'è chiaramente qualcosa sulle criptovalute che dà loro un incrollabile senso di sventura imminente. Forse sono gli effetti vestigiali della crisi finanziaria globale. Hanno vissuto attraverso di essa e la ricordano bene. Perché non dovrebbero chiedersi se Bitcoin è un altro castello di carte? Sapevate che ci sono più di 10.000 criptovalute sul mercato al momento? Alcune mirano a funzionare come valute ed eventualmente a sostituire i dollari nel tuo portafoglio.

Altre offrono prestiti accessibili nei paesi in via di sviluppo, e una promette addirittura di cambiare internet come lo conosciamo. Il suo marketing aggressivo prometteva rendimenti dallo 0,5% all'1% al giorno, insieme ad altri incentivi. Ma come OneCoin, era uno schema piramidale. Gli alti rendimenti che pagava erano finanziati da nuovi investitori, e quando la piattaforma è crollata, la gente ha perso tutto.

La tecnologia dei pagamenti digitali sta costringendo il sistema finanziario ad evolversi. Le banche sentono il loro potere diminuire e vogliono riprendere il controllo. I lobbisti bancari stanno spingendo molto i regolatori per regole uniformi intorno ai prestatori incentrati sulla criptovaluta e altre aziende che trasferiscono denaro e offrono servizi simili a quelli bancari, sostenendo che a meno che non siano sottoposti agli stessi controlli delle banche, le nuove imprese godranno di un vantaggio ingiusto. E tre anni fa, l'amministratore delegato della Bank of America, Brian Moynihan, ha vietato ai gestori patrimoniali dell'azienda gigante di mettere i soldi dei clienti in investimenti legati alle criptovalute.

Essi affrontano la volatilità legando il loro valore alle valute fiat, riconoscendo implicitamente il più grande difetto delle criptovalute pure. Questa volta, il rally della criptovaluta ha seguito il lancio a fine ottobre del primo fondo scambiato Bitcoin alla Borsa di New York. Tutti gli investimenti in criptovalute comportano dei rischi, e anche gli sviluppatori ben intenzionati con un lungo background in criptovalute potrebbero sforzarsi troppo. Ogni pochi mesi o giù di lì, quando il Bitcoin inevitabilmente va in picchiata, c'è un altro raccolto di storie da giorno del giudizio sul fatto che la criptovaluta sta andando direttamente a zero.

Igor Pejic, un esperto di criptovalute, ha detto che JPMorgan è una delle poche grandi banche la cui sperimentazione con blockchain, la tecnologia alla base delle transazioni di valuta digitale, li ha resi pionieri digitali pronti a trarre profitto in futuro dai sistemi che stanno testando ora perché, ha detto, "stanno creando un'infrastruttura che alla fine della giornata controllano. Gli investitori che abitano i mondi delle criptovalute e della finanza tradizionale che commerciano sia in dollari che in Bitcoin, per esempio si affidano spesso agli stablecoin, una criptovaluta che vive sulla blockchain, può essere scambiata con una serie di criptovalute ed è ancorata al dollaro o all'euro. E invece di mettere in guardia i regolatori dalle criptovalute, i rappresentanti dell'industria bancaria ora si lamentano che i regolatori non hanno agito abbastanza rapidamente e che la loro inazione sta costando alle banche tempo prezioso nella loro missione per competere. Agli occhi degli evangelisti del Bitcoin, tuttavia, non c'è rischio maggiore che non accaparrarsi la criptovaluta ogni volta che il prezzo scende.

Le criptovalute pure sono troppo volatili per essere utili se non per la speculazione, il commercio illecito e il finanziamento occasionale di attivisti in regimi oppressivi. Ci sono centinaia di piattaforme in tutto il mondo che aspettano di darvi accesso a migliaia di criptovalute. Ha scelto di affidarsi ad una società esterna per gestire tutto ciò che riguarda il Bitcoin in modo che Quontic non avrebbe dovuto effettivamente "toccare la criptovaluta". Dopo aver deriso le criptovalute il mese scorso, Dimon si è affrettato ad aggiungere: "Non voglio essere un portavoce; non mi interessa.

Ci sono criptovalute, conosciute come stablecoin, che sono sostenute da beni reali (come il dollaro USA) che utilizzano la più recente tecnologia blockchain.